Ricette » Ricette di Torte, Cake, Crostate, Pani dolci » La pastiera napoletana della signora Giuseppina
Ricette » Ricette di Torte, Cake, Crostate, Pani dolci » La pastiera napoletana della signora Giuseppina

La pastiera napoletana della signora Giuseppina

Questa è una ricetta scritta appositamente per Mangiarebene da Raffaella Prandi amica e grande giornalista del food.  "Giuseppina è una simpatica signora di Battipaglia che tanti anni fa mi regalò questa ricetta che mai mi ha tradito. Le dosi non sono esattamente da single… ma se la tavola raccoglie un bel gruppo di familiari o amici (10 persone minimo) sarà una vera festa presentare questo formidabile dolce della tradizione partenopea."

Per 10 persone

per la pasta :

  • 1kg di farina
  • 1 bustina di lievito Pane degli Angeli
  • 500 g di burro
  • otto uova intere
  • 400 g di zucchero

per la farcitura: :

  • 1 kg di zucchero
  • 1kg di ricotta di pecora
  • 1 kg di grano cotto (si trova anche in scatola nei supermercati)
  • 12 uova intere
  • 50 g di burro
  • La scorza di un limone e di un arancio non trattati
  • Una bustina di vaniglia
  • Una busta di zucchero vanigliato (quattro cucchiai)
  • Latte (per ogni 600 g di grano, 300 g di latte)
  • Acqua di fiori di arancio (due fialette di aroma)

Con gli ingredienti indicati preparare in anticipo l'impasto della pasta da far riposare sino al momento dell'uso.
Procedere quindi alla lavorazione del ripieno: versare in una casseruola il grano cotto, il latte, il burro e la scorza grattugiata del limone e dell'arancio, lo zucchero vanigliato. Portare lentamente ad ebollizione mescolando ininterrottamente per un'ora e un quarto circa sino a quando il composto non si sarà trasformato in crema.
Passare al setaccio la ricotta. Separare in due recipienti i tuorli dagli albumi. Montare i tuorli con lo zucchero. Montare a neve anche gli albumi e unirli al composto di uova, poi impastarvi la ricotta e infine la crema di grano raffreddata. Aggiungere anche l'acqua di fiori di arancio e la vaniglia.
Con il matterello distendere l'impasto della frolla allo spessore di circa mezzo cm e rivestire una teglia di ampie dimensioni precedentemente imburrata e infarinata. Ritagliare la pasta eccedente, tirarla di nuovo con il matterello e ricavarne delle strisce. Versare il composto di ricotta e grano nella teglia, livellarlo, ripiegare verso l'interno i bordi della pasta e decorare con le strisce formando una grata da pennellare con un tuorlo sbattuto. Cuocere in forno a 180° per un'ora avendo cura di sistemare la teglia sulla griglia nella parte alta del forno nella parte bassa del quale è sistemata la placca. Dopo un'ora di cottura togliere quest'ultima dal forno e continuare la cottura per un'altra mezz'ora.
Lasciare raffreddare e prima di servire spolverizzare con zucchero a velo. La pastiera, una volta cucinata, può essere conservata in frigo anche per quattro o cinque giorni.