Strudel di ciliegie

Le ciliegie per tradizione non vengono snocciolate perché, pare, mantengano un sapore più caratteristico. Fate come volete io di solito le privo del nocciolo per evitare spiacevoli incidenti.

Per 6 persone

la pasta:

  • 300 gr di farina
  • 1 bicchiere di acqua tiepida
  • 3 cucchiai di olio di semi
  • un pizzico di sale
  • zucchero a velo

il ripieno:

  • 1Kg e mezzo di ciliegie
  • 80 gr di burro
  • 150 gr di pan grattato
  • 200 gr di zucchero
  • 1 cucchiaino di cannella (facoltativo)
  • 50 gr di burro da spennellare sullo strudel prima e durante la cottura.

Setacciate la farina a fontana sul piano di lavoro con il pizzico di sale, al centro scavare un incavo in cui verserete l'olio. Con un cucchiaio cominciate a fare movimenti concentrici partendo dal centro della fontana verso l'esterno. Quando l'olio si sarà un po'assorbito cominciate ad aggiungere l'acqua e impastate con le mani energicamente dividendo e sbattendo sul piano la pasta che deve rimanere un po' collosa ma non dura. Ungetela leggermente e lasciatela riposare in un luogo tiepido per almeno mezz'ora.
Lavate, asciugate e snocciolate le ciliegie che mescolerete con lo zucchero. In un pentolino antiaderente fate fondere il burro e insaporitevi il pan grattato e la cannella, fate raffreddare. Tirate la pasta con i dorsi delle mani sino a che diventa molto sottile dandole una forma rettangolare ed adagiatela su di un canovaccio infarinato. Distribuitevi sopra il composto di pan grattato e le ciliegie. Arrotolate aiutandovi con il canovaccio facendo fare solo due giri, sigillate i bordi, spennellatelo col burro fuso e trasferitelo su una placca da dolci foderata con un foglio di carta da forno.
Infornate a 200° per 40 min. circa, spennellandolo di burro ancora a metà cottura. Servitelo tiepido spolverandolo con dello zucchero a velo.