Ricette » pasta » Ravioli Marina

Ravioli Marina

Potete prepararli con largo anticipo, congelarli e lessarli in acqua bollente ancora congelati. La salsa invece preparatela all'ultimo momento.

Per 6 persone

Per la sfoglia:

  • 3 uova
  • 500 g di farina
  • 120 ml di acqua

Per il ripieno:

  • 250 g di polpa di faraona
  • 150 g di ricotta
  • 200 ml di vino bianco secco
  • 30 g di burro
  • 100 ml di panna
  • sale e pepe q.b.

Per il condimento:

  • 10 g di burro
  • 300 ml di panna
  • pasta di tartufo bianco
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • tartufo bianco, facoltativo

Tritate finemente la polpa di faraona e fatela saltare in una casseruola con 30 g di burro; salate, pepate e cuocete la carne bagnandola col vino. Lasciate ridurre brevemente e incorporate la ricotta, la panna, il sale e il pepe. Togliete dal fuoco, mescolate bene e tenete da parte.
Sulla spianatoia mettete la farina a fontana con in mezzo le uova e l'acqua. Infarinate le mani e lavorate l'impasto per circa 10 minuti fino a quando sarà diventato liscio e omogeneo.
Con l'aiuto del mattarello stendete 4 sfoglie sottili; mentre preparate una sfoglia tenete l'altra pasta coperta con un canovaccio umido in modo che rimanga abbastanza morbida e non si asciughi. Ricavate dal ripieno tante palline grandi come una nocciola e sistematele distanziate tra loro. Ricoprite con l'altra sfoglia premendo bene fra un ripieno e l'altro, quindi con la rotellina dentata ricavate i ravioli. Man mano che sono pronti, disponeteli su un piano infarinato coprendoli con un canovaccio oppure, in caso di congelazione, in un vassoietto pure infarinato.
Riempite una grossa pentola d'acqua, salatela e quando bolle tuffate i ravioli che dovranno cuocere per circa 5 minuti a fuoco basso. Naturalmente il tempo si allungherà se cuocete quelli congelati. Scolateli e versateli in un tegame dove avrete preparato la salsa facendo sciogliere nel burro la pasta di tartufo e aggiungendo la panna. Mescolate con delicatezza, aggiungete il parmigiano, aggiustate il sale e il pepe. Date un ultima mescolata e servite subito col parmigiano grattugiato. Nel caso abbiate un tartufo bianco, omettete il parmigiano grattugiato e la pasta di tartufi.