Il Blog di Mangiare Bene

Magazine

Tempo di esami

E' tempo di esami. Alimentarsi nel modo giusto non basta certo a garantire ottimi risultati, ma può contribuire a creare le condizioni ottimali per dare il meglio di sé. Non solo bisogna scegliere i cibi giusti  ma anche dedicare la dovuta attenzione alle bevande. Infatti, ricerche condotte su giovani adulti hanno evidenziato che anche una leggera disidratazione, corrispondente ad una diminuzione del peso corporeo dall’ 1-al 2% , può portare ad una significativa riduzione delle funzioni cognitive. 

Pertanto, a maggior ragione se fa molto caldo, il primo consiglio è bere spesso durante la giornata, soprattutto acqua, che è la vera bevanda. 

A questa si può aggiungere qualche spremuta o frullato di frutta che, a patto di non esagerare e in assenza di specifiche controindicazioni, in questo particolare periodo potrebbe essere vista con occhio un po’ meno severo. Infatti gli zuccheri contenuti in una bibita, come quelli di una macedonia, di un gelato alla frutta o di un dolcetto, possono rappresentare, fra un pasto e l’altro, una rapida ricarica di glucosio, che è la fonte elettiva di energia per il cervello. Ricordiamoci però che, a differenza dell’acqua, queste bevande forniscono calorie che vengono spesso sottovalutate. E non dimentichiamo che vanno sorseggiate lentamente, a maggior ragione se sono fredde (e questo ovviamente vale anche per l’acqua), per evitare bruschi abbassamenti della temperatura dello stomaco che possono creare le condizioni per pericolose congestioni.

Infine, il caffè, il tè, le bibite tipo cola, grazie alla caffeina, possono rappresentare un aiuto nel tener desta l'attenzione, ma vanno sempre consumate con la dovuta moderazione da parte di tutti e ancor più da chi non è abituato a farne uso, è nervoso o ha problemi di sonno.

E poiché dormire bene è importante anche per la memoria e l’apprendimento, per favorire il sonno può essere utile, prima di coricarsi, bere una tazza di latte tiepido, meglio ancora se addolcito con un po’ di miele, che potrebbe anch’esso avere un blando effetto sedativo.