Il Blog di Mangiare Bene

Magazine

Abbinamento birra e formaggi

Forse l’esser stati abituati a pensare alla birra solo e solamente come bevanda dal color oro, fresca e dissetante non ci ha permesso di ragionarci troppo. O anche l’abitudine di avere sempre la bottiglia di vino in tavola di certo non ha aiutato. È un peccato, ma si può recuperare iniziando ad avere la birra (anzi, le birre) come compagne della nostra tavola. Per esempio avete mai pensato a un ottimo caprino stagionato con una corposa ambrata Trappista? O a un formaggio vaccino a pasta molle con la celebre bionda di Pilzen? Se non lo avete ancora fatto, ve lo consigliamo vivamente. Formaggi e Birre è un matrimonio che s' ha da fare.

La tradizione belga ci offre delle birre d’Abbazia dal corpo importante, dove il tenore alcolico è generalmente sostenuto e la complessità e la morbidezza non passano mai in secondo piano. Provatele a fine pasto con dei formaggi stagionati, sia caprini che ovini, magari piccanti e saporiti. Per non parlare degli erborinati: vi lasceranno a bocca aperta. 

 Le Ale di ispirazione anglossassone vengono esaltate da un buon pezzo di grana o da un formaggio vaccino semi stagionato. Le sensazioni amaricanti delle birre inglesi devono contrastare con la dolcezza del formaggio, ma non deve mancare la complessità: ecco perché una buon Parmigiano Reggiano o Grana Padano magari stagionati per 24 mesi sono perfetti.


La regina delle birre è la Pils, quella nata a Pilzen la storica cittadina della Repubblica Ceca. È lei che ha dato il la a tutte le “bionde” prodotte nell’Europa mediterranea in quanto birra di moderato tenore alcolico, non troppo strutturata, leggermente amara, quindi ottima a tutto pasto. Perfetto l'abbinamento con formaggi morbidi, cremosi, specie con dei caprini. La dolcezza dei formaggi contrasta bene col tipico sentore amaricante del luppolo e la complessità del caprino è ideale con la struttura della birra.

Le birre Weiss, quelle di frumento, di tradizione tedesca sono ottime con i formaggi più delicati, molto giovani, a pasta molle ottenuti dal latte vaccino.
Allora, che altro aspettate? Un buon boccale e un pezzo di cacio. E non dimenticate il brindisi, che pensando agli inglesi con una buona pinta in mano è sicuramente Cheers.


LE CATEGORIE

Amarcord Cucina afrodisiaca Cucina Internazionale Cucina rapida & economica Cucina Regionale Eventi Golosi Il libro è servito I segreti di Marina Latte di gallina Magazine Quisquilie & pinzillacchere Ricette da cinema