Le Ricette di Pasta di MangiareBene

E' da sfatare la credenza che la pasta sia stata introdotta in Italia dalla Cina, tramite Marco Polo. Infatti, nel 1279, quando l'esploratore veneziano si trovava ancora in Oriente, il notaio genovese Ugolino Scarpa redasse il testamento di un tal Ponzio Bastone il quale, fra le altre cose, lasciava ai suoi eredi una cassa piena di maccheroni.
Di sicuro sappiamo che furono gli Arabi nel XI secolo a introdurre la pasta in tutto il bacino mediterraneo, ma fu solo in Italia che divenne un cibo diffuso. La Napoli del XVII secolo fece incontrare la pasta coi pomodori che erano arrivati in Italia grazie alla scoperta delle Americhe.
Questa fu proprio una rivoluzione gastronomica in quanto questo nuovo connubio fece dimenticare le combinazioni dolce-salato e agro-dolce tanto in auge fino ad allora.
Gli spaghetti a Napoli si mangiavano con le mani e fu grazie all'idea geniale di un ciambellano di corte di re Ferdinando II nel 1700, Gennaro Spadaccini, che la pasta fu servita nei pranzi di corte. Egli, infatti, aveva inventato la forchetta a 4 punte corte che è diventata poi di uso comune ovunque.
Anche il presidente americano Jefferson (1743-1826) impazziva per la pasta e la fece conoscere negli USA. Erano famosi i suoi pranzi in cui venivano servite le specialità gastronomiche che aveva assaporato durante i suoi viaggi in Europa.
Venendo ai giorni nostri, si può dire che la pasta è il piatto italiano più conosciuto nel mondo.

Le Novità

Le Regole base

Le ricette di...