Le Marinate

Latte di gallina : Le Ricette di MangiareBene



Parola e cibo, cibo e parola, indissolubilmente legati all’esistenza umana da che mondo è mondo. Atti quotidiani di pura sopravvivenza, sulla cui potenza quasi non ci soffermiamo a riflettere. Le parole muovono il mondo, senza comunicazione nulla funzionerebbe, nulla sarebbe possibile. Il cibo muove buona parte dell’economia mondiale, ogni volta che allunghiamo un braccio verso uno scaffale del supermercato e scegliamo un prodotto invece di un altro, è come se votassimo alle elezioni.
Dalla relazione tra cibo e parola scaturisce in ogni cultura, in ogni lingua del mondo un autentico fiume semantico pieno di sorprese e curiosità; nei modi di dire relazionati con i fornelli si mescola la storia con la letteratura, la saggezza popolare con il lirismo più raffinato, l’ironia sottile con i lazzi più salaci.
Il viaggio attraverso le espressioni legate al mondo culinario può essere interminabile, perché sia il linguaggio che il cibo sono realtà in constante evoluzione. Vedremo di volta in volta che sarà necessario tuffarsi nel passato, a volte recente o recentissimo, a volte millenario, dei nostri nonni o dell’impero romano, per scoprire quanto spesso la tavola forgia il nostro modo di esprimerci quotidiano.
Sarà impossibile cominciare ab ovo (come dicevano i Romani, che cominciavano il pranzo con le uova e terminavano con la frutta – ab ovo usque ad mala – secondo Orazio), perché nessuno può stabilire con esattezza in che punto remoto della Storia inizia la piccola storia che cercherò di raccontare poco a poco; d’altra parte, la “questione dell’uovo e la gallina” è uno dei grandi misteri irrisolti dell’umanità…
Meglio zigzagare seguendo i suggerimenti o l’ispirazione, e cercare, con l’aiuto dei libri e dell’esperienza, di non prendere un granchio, né di essere una zuppa, però soprattutto di non metterci né sale né olio… o quasi! Buona lettura.

Le Novità

1 2 3 4 »