Accademia del fornello

Cucina internazionale : Le Ricette di MangiareBene

La cucina Cinese

Ricette cinesi

La cucina Cinese Zuppa di nido di rondini

Cina Shanghai: Vecchia casa da thè

Cina Dim sum

Cina Zuppa di pinne di pescecane

Le Ricette

La cucina cinese è da considerarsi fra le migliori del mondo. Certamente questo è dovuto al profondo rispetto che i cinesi hanno per il cibo che trova espressione nel proverbio: "È meglio che un uomo aspetti il suo cibo, piuttosto che sia il cibo ad aspettare lui".
Essa si basa sull'armonia dei vari ingredienti: nessuno deve prevalere sull'altro. Essendo la Cina un paese popolatissimo ma non ricco, la dieta si basa soprattutto su alimenti come riso, vermicelli, verdure che costano poco ma saziano e si prestano soprattutto ad infiniti metodi di preparazione. Le carni, più care, vengono usate in piccole quantità mentre i cibi di origine marina sono le fonti principali di proteine quindi giocano una parte importante nel menù cinese.
Data la vastità del paese e di conseguenza la enorme differenza di clima e di condizioni ambientali la cucina cinese si può dividere in quattro diverse cucine: quella del Nord, del Sud, dell'Est e dell'Ovest.
Mangiare Bene comincia con un menù completo della cucina del Sud, la cantonese, che tra l'altro è la più conosciuta in occidente.

Come si prepara

La nostra cucina è perfettamente attrezzata per la preparazione dei piatti cinesi. Gli unici attrezzi consigliati sono il wok, una padella a forma di ciotola in ghisa o ferro, ed il coltello cinese, dalla lama rettangolare e pesante, buono per tutti gli usi.

Il cibo richiede molto tempo per la preparazione e pochissimo per la sua cottura. Gli ingredienti devono essere di ottima qualità e la rapidità di cottura garantisce non solo la conservazione ed esaltazione del loro gusto ma anche il loro valore tattile, la loro consistenza.

I cinesi dicono che in una casa che si rispetti devono esserci sette cose: fuoco, olio, salsa di soia, aceto, riso, sale e té; a queste vanno aggiunti zenzero fresco, porro, aglio, maizena, zucchero, funghi cinesi secchi, germogli di bambú, salsa di ostriche, sherry e l'olio di sesamo. Tutti questi ingredienti si trovano senza difficoltà in supermercati e drogherie.

Alla tavola cinese, di solito rotonda, ogni commensale ha davanti a sè una ciotola per la minestra, una ciotolina per il thé o il vino, un piattino per la salsa di soia e le bacchette. Tutte le portate vengono messe in tavola nello stesso momento ed il loro numero è pari a quello dei commensali.

I cinesi amano molto mangiare fuori ed è molto popolare il dim sum- toccare il tuo cuore- un insieme di piatti che vanno dal dolce al salato serviti sempre con del thè. I migliori dim sum vengono preparati a Hong Kong dove i ristoranti iniziano a servirli continuamente dalle 6.30 del mattino fino a metà pomeriggio.

Molto richieste, perchè ritenute altamente afrodisiache, la zuppa di pinne di pescecane e quella di nidi di rondine.
Quest'ultima viene considerato come il piatto più caro d' oriente data la difficoltà di raccolta dei nidi. Si tratta infatti di nidi di una particolare specie di rondini che nidificano in caverne dall'accesso quasi impossibile. Sono nidi fatti solo con la saliva di questi uccelli che, al contatto dell'aria solidifica. Il sapore è molto particolare e non a tutti piace.

Bon ton

È cattiva educazione tenere le bacchette sempre in mano. Fra un boccone e l'altro esse vanno appoggiate sull'apposito reggi bacchette che di solito ha la forma di un fanciullo che dorme.

I cinesi sono dei mangiatori molto rumorosi e ciò può essere di imbarazzo per noi. Niente di più sbagliato: è il loro modo di apprezzare il pasto.